Sei in: case history/Comune di Bacoli/COMUNE DI BACOLI

COMUNE DI BACOLI



Obiettivo primario dell’intervento di scarto effettuato sul patrimonio documentale del Comune di Bacoli è stato quello di realizzare:

·        Lo scarto e la predisposizione al macero di tutta la documentazione passibile di tale attività conservata presso l’archivio di deposito del Comune;

·        Il recupero, la spolveratura, la compilazione della scheda di restauro e l’inscatolamento di tutta la documentazione da conservare in archivio di deposito

 Fase di Preparazione

Tale fase è propedeutica a qualsiasi attività di scarto. Essa prevede il vaglio critico della documentazione quale operazione necessaria per:

-        la conservazione

-        per la razionalizzazione di un Archivio

 Fasi successive

 ·        A: Selezione iniziale

Selezione iniziale, eliminando:

-modulistica scaduta e stampati in bianco

-pubblicazioni, stampe periodiche e giornali non interessanti la biblioteca o che non siano in collezione completa

-GU e BUR soprattutto se esistono CD rom, raccolte annuali rilegate…

 ·        B: Scarto di Deposito

Si è effettuata la separazione del materiale proponibile per lo scarto. Individuazione della documentazione candidabile allo scarto e predisposizione della lista per il benestare della soprintendenza archivistica. 

L’organizzazione del lavoro.

-       verifica della documentazione presente in archivio

-       segnatura della documentazione proponibile per lo scarto

-       predisposizione di tutti gli atti necessari ad ottemperare alle procedure previste dalla norma.

-       spostamento della documentazione proposta per lo scarto in un’area dei locali d’archivio definita dall’ente per la loro conservazione sino al nulla osta al Macero della Soprintendenza Archivistica .

 Piano di Lavoro attuato

Verifica della documentazione presente in archivio con apposizione di un segno di spunta  sul dorso del faldone/contenitore/documento. Tale segno identifica i faldoni/contenitori/documenti candidabili per lo scarto.

Estrazione della documentazione da conservare  e sua spolveratura a mano con pennellessa e panno vileda per non compromettere la conservazione della documentazione stessa. L’estrazione della documentazione avviene per singolo settore dell’archivio dell’ente es. prima tutta la documentazione dell’Ufficio tecnico, poi gli altri a seguire. Compilazione per ogni faldone e per ogni registro della scheda di restauro. 

Inscatolamento della documentazione da conservare. 

 Tempistica complessiva: 21 gg lavorativi dall’inizio lavori.

 Galleria Fotografica

PRIMA

      

DOPO